Strict Standards: Non-static method FileMaker::isError() should not be called statically in /web/htdocs/www.informafisac.it/home/cercafisac/articolo.php on line 13

Strict Standards: Non-static method FileMaker::isError() should not be called statically in /web/htdocs/www.informafisac.it/home/cercafisac/FMStudio_v2/FMStudio_Tools.php on line 196

Strict Standards: Non-static method FileMaker::isError() should not be called statically in /web/htdocs/www.informafisac.it/home/cercafisac/FMStudio_v2/FMStudio_Tools.php on line 555
Lavoro straordinario




Lavoro straordinario

Al fine tanto di soddisfare le esigenze di efficienza aziendale quanto di contenere l’utilizzazione del lavoro straordinario, le Parti hanno convenuto la seguente disciplina dello stesso.
Le prestazioni di lavoro del personale devono essere contenute entro l’orario normale. Il lavoro straordinario potrà essere effettuato per particolari esigenze aziendali ed entro un limite massimo annuale per ogni lavoratore/trice di 90 ore.
L’impresa ha, inoltre, un monte ore annuo aggiuntivo di lavoro straordinario, da utilizzare in deroga ai limiti individuali sopra indicati, calcolato all’inizio di ciascun anno moltiplicando per 15 ore il numero dei dipendenti, in servizio a tale data, ai quali sia applicabile la normativa sul lavoro straordinario.
Il monte ore aggiuntivo previsto al comma precedente opera separatamente per ciascuna sede dell’impresa, sulla base del numero dei dipendenti operanti presso la medesima. Le unità produttive autonome che occupino meno di 100 dipendenti verranno aggregate ad altre sedi nell’ambito della stessa regione, considerandole nell’insieme come un’unica sede sia agli effetti del calcolo del monte ore aggiuntivo che della sua utilizzazione. Qualora, peraltro, la somma dei lavoratori/trici di tali unità produttive operanti nella regione considerata sia inferiore a 100, agli effetti di cui sopra si prenderanno in
considerazione unità produttive dislocate in regioni diverse.
Le limitazioni di cui ai commi precedenti avranno effetto subordinatamente alla sti-
pulazione dell’accordo aziendale relativo all’istituzione dei turni previsti dal precedente art. 100. Il lavoratore/trice non sarà tenuto alla prestazione del lavoro straordinario quando sussistano obiettive ragioni personali.
Il lavoro straordinario sarà prestato in base alle disposizioni impartite, di volta in volta, dall’impresa e sarà annotato su apposito registro con la firma dell’interessato e controfirma di un incaricato dell’impresa.
Di norma il lavoro straordinario deve essere richiesto con un preavviso di 24 ore.
Esso è limitato a due ore giornaliere con un massimo di 12 ore settimanali; in caso sia richiesta una prestazione che superi tali limiti si rende necessario il consenso del lavoratore/trice interessato.
La durata media dell’orario di lavoro non può in ogni caso superare, per ogni periodo di sette giorni, le 48 ore comprese le ore di lavoro straordinario. La durata media dell’orario di lavoro deve essere calcolata con riferimento ad un periodo non superiore a 4 mesi, fatti salvi periodi di riferimento diversi previsti in sede aziendale.
Restano ferme le disposizioni di cui all’art. 17, 5° comma del d. lgs. n. 66/2003 e punto 2 dell’art. 3 del Regolamento approvato con R.D. 10 settembre 1923, n. 1955 in tema di esclusione dalla presente disciplina di alcune tipologie di lavoratori.
L’impresa, ogni quattro mesi, fornirà agli Organismi sindacali aziendali l’elenco nominativo dei lavoratori/trici che hanno effettuato lavoro straordinario nel quadrimestre stesso, con specificazione del numero di ore da ciascuno effettuate e con impegno da parte dei suddetti Organismi al rispetto della vigente normativa in materia di privacy.
L’impresa, nei casi in cui dovesse utilizzare quantità significative del monte ore di cui al 3° comma, da esaminarsi in sede aziendale, ne informerà in via preventiva le OO.SS., confrontandosi al riguardo con le stesse anche per l’esame di eventuali soluzioni alternative possibili.

Nota a verbale – Con riferimento al terzultimo comma del presente articolo e in correlazione alle modifiche apportate alle norme sull’inquadramento con il CCNL 18.12.1999, le Parti chiariscono che, con pari decorrenza, la disciplina sul lavoro straordinario si estende al personale dell’Area professionale B – della posizione organizzativa 3 – 6° livello retributivo.


Strict Standards: Non-static method FileMaker::isError() should not be called statically in /web/htdocs/www.informafisac.it/home/cercafisac/FMStudio_v2/FMStudio_Tools.php on line 564
CCNL ANIA per i dipendenti imprese di assicurazione non dirigenti

Articolo precedente in questo testo: Reperibilità
Articolo corrente: Lavoro straordinario
Articolo successivo in questo testo: Art. 104

made with   Pingendo logo